Fondamentali del blogging - Appunti certificazione HubSpot


Introduzione

Il blogging aiuta l’inbound marketing in due modi:
  • attrae nuovi visitatori. Infatti, ogni nuovo blog post può essere la risposta alle esigenze di nuovi utenti, questo rientra nella fase Attract della metodologia inbound
  • converte i visitatori in lead. I visitatori che hanno espresso un interesse nei confronti di alcuni blog post sono anche più disposti a valutare le offerte di un blog.

Best practices per il blogging

1. Scegliere argomento e titolo per un post

Per effettuare queste scelte occorre:
  1. tenere in mente le proprie buyer personas. In questo modo si risponde alle loro domande e ai problemi a cui stanno cercando risposte
  2. fare un brainstorming di argomenti. Ad esempio è utile analizzare le domande più richieste, le esigenze espresse delle buyer personas, gli argomenti trattati dagli influencers e dai competitor
  3. fare una ricerca delle keyword. L’analisi delle queries sui motori di ricerca sono di certo argomenti interessanti che andrebbero analizzati cercando di riflettere su come effettuano ricerche online le buyer personas
  4. scegliere un unico argomento su cui far vertere il contenuto. Troppi argomenti generano confusione: è importante focalizzarsi su uno di essi
  5. scegliere un titolo per il contenuto che:
    • includa una long-tail keyword da far apparire nel tag title
    • chiarisca l’argomento del post in modo da creare le giuste aspettative all’utente
    • tenga in considerazione il limite di caratteri visualizzati sui motori di ricerca, in genere 50-60 caratteri

2. Caratteristiche del corpo di testo

Alcune caratteristiche che dovrebbe possedere il corpo di testo:
  1. usare degli spazi vuoti in pagina. Questo permette al lettore di concentrarsi su un contenuto ordinato in paragrafi piuttosto che su blocchi di testo che scoraggiano la lettura e non evidenziano i punti principali
  2. usare header di sezione ed elenchi. Ogni sezione o paragrafo può essere evidenziato da intestazioni. Gli elenchi puntati e numerati sono invece utili ad evidenziare i punti principali della sezione
  3. grassettare il testo importante. In questo modo il contenuto può essre letto in modo rapido senza perdere il succo del discorso
  4. includere immagini. Questo consente di separare visivamente il testo e possono velocizzare la lettura nel caso in cui spieghino il testo. Ad inizio post, un’immagine può incuriosire l’utente e invitarlo a leggere.

3. Ottimizzare un post per i motori di ricerca

Seguono alcuni punti utili per ottimizzare per i motori di ricerca:
  1. posizionare la keyword long-tail nel titolo della pagina, nel tag title, nell’URL, nel tag alt delle immagini, nel corpo di testo e negli header di sezione
  2. includere link interni ed esterni rilevanti per l’utente. Ad occhio si può pensare di non linkare più di due volte in ciascun paragrafo

4. Promuovere i propri prodotti/servizi

L’attrazione di nuovi visitatori è un’opportunità per generare lead. Per questa ragione, un blog dovrebbe avere le seguenti caratteristiche per permettere agli utenti di scoprire l’offerta aziendale:
  1. la sidebar del blog occorre includere due call-to-action (CTA) che promuovono i propri prodotti/servizi e un subscription form:
    • la prima CTA pensata per il visitatore all’inizio del buyer’s journey, che lo spinga a lasciare il proprio contatto trasformandosi in lead
    • la seconda CTA è diretta ai visitatori alla fine del buyer’s journey, progettata per spingerli a convertire
    • il subscription form, è infine pensato per i visitatori che non vogliono ancora informazinoi sui prodotti, ma vogliono ancora valutare e leggere di più sul blog
  2. alla fine del post occorre includere una CTA che suggerisca all’utente che ha appena letto un contenuto educativo correlato, potrebbe anche essere un e-book.

5. Promozione di un post

Esistono vari modi per promuovere un post, si vedano nel prosieguo:
  1. linkare internamente da post correlati. E’ il modo più diretto e semplice per promuovere i propri post
  2. linkare dalla navigazione. Oltre ai post, la stessa navigazione del blog può linkare a contenuti rilevanti, ad esempio in una sidebaro nel menu principale
  3. condividere i post sui social media. La prima promozione avviene al momento della pubblicazione sui social media, ma è altrettanto utile usare i social button per facilitare la promozione da parte dei lettori
  4. promuovere via email. Una newsletter che possa indicare agli utenti post legati ai loro interessi è un buon modo per promuovere nuovi post.

6. Analizzare le performance di un post

L’analisi è fondamentale per capire cosa va e cosa deve essere modificato. Ecco le metriche principali da analizzare:
  1. numero di visualizzazioni di ciascun post. E’ la metrica essenziale per capire cosa performa al meglio
  2. performance per argomento, autore o canale promozionale. In questo modo si può comprendere quale argomento è il più interessante, quale autore premiare, e quale canale promozionale preferire
  3. numero di click sulle CTA a fine post. Questo spesso spiega se alcuni contenuti stanno convertendo meglio di altri.
Written with StackEdit.